Early Birds Adv Blog

TREND SOCIAL MEDIA 2020

By Alessandra Marrone on January 07, 2020

 

Scopriamo insieme i trend che segneranno i social media nel 2020.


Per chi si occupa di comunicazione e marketing è davvero indispensabile restare sempre aggiornati e conoscere cosa riservi il futuro per poter anticipare le tendenze e non farsi cogliere impreparati. L’utilizzo dei social media da parte dei consumatori è cambiato molto nel corso del 2019, al punto che nel 2020 ci saranno numerose novità in arrivo ma al contempo si porteranno avanti alcuni trend che avevano già visto un certo sviluppo nell’anno precedente.

Cosa ci riserveranno dunque i social media nel 2020?

 

1. Piccole comunità

 

Il primo fondamentale aspetto da affrontare è che i consumatori oggi e domani non avranno più voglia di far parte di grandi comunità online, composte cioè da tanti membri e caratterizzati da un numero esponenziale di post. Tutto questo confonde le persone. L’utente ormai vuole entrare a far parte di una comunità che lo faccia sentire a proprio agio e gli permetta di esprimersi senza troppi ostacoli. Via libera dunque a piccole comunità che si sviluppano intorno ad un argomento specifico e nel quale il brand evita di bombardare l’utente con contenuti irrilevanti. All’interno di questo panorama, gli influencer di maggiore interesse per le aziende non saranno più necessariamente quelli con maggiore seguito, bensì i micro o nano influencer che permettono di approfondire un tema specifico e circoscritto.

 

2. Contenuti di qualità

 

Come dicevamo, meglio pochi contenuti ma buoni. Questo significa che oggi il consumatore si lascia tentare soltanto da contenuti che rappresentano per lui un reale interesse mentre tutti gli altri agiranno soltanto da deterrenti all’utilizzo dei social. Il consumatore è molto più consapevole rispetto al passato dell’influenza nociva che un utilizzo smodato dei social può portare alla sua psiche e pertanto assistiamo sempre più di frequente a fenomeni di “disintossicazione digitale”. Tutto questo rappresenta un rischio per l’azienda? tornando all’inizio di questo paragrafo, la risposta è no, se si producono pochi contenuti ma di buona qualità, ovvero di reale interesse per l’utente. Ma quali sono i contenuti che interessano il pubblico di oggi?

 

3. Video

 

il video è senza dubbio la tipologia di contenuto più amata dagli utenti, al punto che con tutta probabilità, i feed dei principali social saranno inondati da video. Il successo di questa tipologia di contenuto è presto spiegato: immediato e diretto, il video permette di comunicare in maniera efficace e senza fraintendimenti. Sforzo cognitivo minimo richiesto all’utente, efficacia del messaggio garantita per il brand. Ma dove dovrebbero essere veicolati questi contenuti? (Abbiamo parlato dei trend video marketing 2020 in questo articolo).

 

 

Voglio saperne di più su come impostare una strategia video

 

4. Canali pubblici: Stories e Tik Tok

 

Se pensiamo agli attuali utenti dei social sicuramente ci vengono in mente anche ragazzi giovani, la cosiddetta generazione z, che pertanto non può essere sottovalutata quando parliamo di comunicazione. I social che stanno spopolando tra questi utenti, e non solo, sono proprio quelli che fanno largo utilizzo di video. Tra questi social troviamo sicuramente Tik Tok che con i suoi 500 milioni di utenti promette di raggiungere grandissimi risultati. Oltre a questo, troviamo anche Instagram e in particolare le storie dalla durata di 24 ore che permettono di condividere con velocità e immediatezza momenti di vita quotidiana che si vogliono mostrare alla propria cerchia di amici.

 

5. Canali privati: Facebook messenger e WhatsApp

 

Tornando al primo punto affrontato qui, gli utenti preferiscono sempre più far parte di qualcosa di più piccolo e intimo e queste sono le stesse caratteristiche che gli utenti cercano sempre di più anche nella relazione con il brand. Questo significa che i clienti preferiranno sempre di più comunicare direttamente e privatamente con il brand per chiedere informazioni e conoscerli più da vicino; il brand, dal canto suo, non può tirarsi indietro e deve fornire gli strumenti necessari per permettere tali scambi comunicativi, in altre parole deve gestire canali privati come WhatsApp e Facebook Messenger. Attraverso questi canali, l’azienda può inviare comunicazioni estremamente personalizzate e mirate, accontentando il cliente e fidelizzandolo.

Per le aziende che tengono alla gestione della comunicazione, si aprono quindi nuovi orizzonti fatti di numerose possibilità ma anche ostacoli. Un cambiamento generale, riscontrabile rispetto al passato, è senza dubbio la necessità di prevedere nel proprio repertorio un numero maggiore di canali rispetto al passato. Facebook e Instagram potrebbero non bastare, occorre mantenersi al passo con i tempi e con il gusto del pubblico che è in continua evoluzione e prendere in considerazione la possibilità di includere tra i propri canali strumenti del tutto inediti e inaspettati come Tik Tok. I canali si moltiplicano quindi ma la gestione integrata e coerente non deve mai mancare. Conoscere il proprio pubblico e veicolare contenuti mirati e di reale interesse è, inoltre, l’unico modo per non rimanere indietro.

 

Voglio saperne di più su come impostare una strategia social

 

 

 

 

Vorresti iniziare a costruire la strategia di marketing perfetta per la tua azienda? Contattaci per parlarne insieme!

RICHIEDI PREVENTIVO

Topics: social media strategy, consulenza social media, trend 2020

Iscriviti!

Recent Posts

Topics

See all