Early Birds Adv Blog

DIVERSITÀ E INCLUSIONE IN AZIENDA

By Alice Tarantola on June 07, 2019

Negli ultimi anni numerose realtà, come aziende, scuole e istituzioni, stanno avendo un ruolo attivo in una cultura orientata all’inclusione della diversità come valore aggiunto.

Sopratutto i grandi brand stanno giocando un ruolo fondamentale nell’inclusione producendo innovazione e grane crescita.

 

Nella nostra attuale società vengono riconosciute 7 “categorie di diversità”: religione, disabilità, genere, età, etnia, status economico e orientamento sessuale.

 

Il riconoscimento e la valorizzazione delle diversità garantiscono una maggiore armonia nell’ambente lavorativo e massimizzano i risultati facendo emergere le migliori caratteristiche di ogni singolo individuo.

Una strategia volta all’inclusione permette alle aziende di ottenere migliori risultati.

Nonostante ciò i pregiudizi sono ancora molti e la strada da fare è ancora lunga. 

 

Recentemente l’ISTUD Business School con Wise Growth ha effettuato una ricerca su 55 aziende italiane di grandi dimensioni, alcune delle quali con sedi anche all’estero.

 

Il 76% di queste aziende ha adottato iniziative di smart working con l’obiettivo di incrementare l’inclusione. 

Nell’82% dei casi le attività di inclusione sono rivolte principalmente alle differenze di genere per poter offrire pari opportunità a livello lavorativo ed economico a uomini e donne.

Circa il 55% di queste aziende si sta attivando nella realizzazione di iniziative volte all’inclusione delle risorse giovani e il 53% include persone disabili. 

Solo il 16% di queste aziende si è attivato nell’inclusione di dipendenti LGBT.

 

Ben il 58% delle aziende si impegna nel coinvolgere le diversità per ruoli di rilievo.

 

Questa ricerca è stata in grado non solo di comprendere i movimenti pratici ma anche gli obiettivi che le aziende si sono imposte di ottenere grazie a questi cambiamenti a volte radicali. 

Il 95% ha affermato che la principale finalità è quella di migliorare l’ambiente lavorativo rendendolo più armonioso. 

L’84% ha inoltre l’importante obiettivo di eliminare le diversità in tutti i livelli gerarchici per offrire a tutti possibilità eque. 

 

Il successo di Ikea

I casi di successo nel mondo sono molti.

Una delle aziende che fra tutte è stata in grado di modificare la propria filosofia orientandosi all’inclusione e che ancora oggi combatte per i diritti i tutti è Ikea.

Da oltre un decennio questa multinazionale  si impegna per avere un equilibrio nell’ambiente lavorativo per far si che tutti abbiamo gli stessi diritti, senza eccezioni. 

Ikea sostiene che riconoscere e sostenere le differenze nell’ambiente lavorativo favorisce la creatività e la crescita dell’azienda e dei rapporti umani.

 

Tra le azioni di inclusione più importanti di Ikea, troviamo la sua adesione a 

Workplace Pride Foundation e Stonewall, due realtà che si impegnano quotidianamente per avere una maggiore inclusione delle persone LGBT+ negli ambienti lavorativi.

L’inclusione non riguarda esclusivamente la comunità LGBT ma anche le discriminazioni di genere. 

Ikea infatti ha inserito delle importanti modifiche all’interno della sua struttura: il 49.4% dei manager al suo interno sono figure femminili che ricevono lo stesso stipendio degli uomini per uguali mansioni. 

Inoltre Ikea sostiene l’importanza della famiglia offrendo agli uomini la possibilità di ottenere un congedo di paternità di ben 2 mesi da passare con il bambino.

Recentemente Ikea ha iniziato un’integrazione multiculturale con rifugiati che partecipano ad un progetto di 3 anni dove svolgono uno stage formativo di 6 mesi.

Non dimentichiamoci poi dei 50+. Ikea crede fortemente nei giovani come nei 50+ che rappresentano figure sapienti e formate nell’ambiente.

 

È l’unicità delle persone a rendere Ikea unica!

In Ikea tutti sono liberi di essere se stessi senza la paura di essere discriminati. 

 

 

Anche se la strada da fare è ancora lunga, la direzione è quella giusta per poter vivere in un mondo migliore!


 

Topics: LGBT, diversità, inclusione, ambiente lavorativo

Author: Alice Tarantola

Iscriviti!

Recent Posts

Topics

See all